fbpx
 

BioenergeticaCorsiSaluteL'Analisi Bioenergetica é un viaggio alla scoperta di sé | Paola Dondoli

9 Settembre 20150

L’infanzia, quando è normale e sana, è caratterizzata da due qualità che portano alla gioia: libertà e innocenza. E’ difficile immaginare un sentimento gioioso i cui movimenti siano limitati da qualche forza esterna.

Per molti bambini, per esempio, la punizione più spaventosa che possa essere loro inflitta è quella di essere tenuti in casa in un giorno in cui gli altri bambini sono fuori a giocare. Questo atteggiamento, e tanti altri simili, da parte dei genitori fa diventare il bambino ansioso di diventare grande per la conquista della libertà.

Tanti di questi bambini sono grandi e adulti adesso, liberi dal controllo dei genitori e, nella nostra cultura, libertà significa avere il diritto di perseguire la propria felicità e gioia.

Sfortunatamente, la libertà esterna non è sufficiente.

Si deve raggiungere la libertà interiore, ossia la libertà di esprimere apertamente i propri sentimenti.

Se ti guardi intorno li riconosci, puoi vedere i loro corpi rigidi, con tensioni muscolari croniche in diverse parti del corpo, che costituiscono la prigione che impedisce la libera espressione dello spirito dell’individuo. Tensioni nelle mascelle, nel collo, nelle spalle, nel torace, nella schiena e nelle gambe che causano l’inibizione di impulsi che la persona non osa esprimere per paura della punizione, verbale o fisica. La minaccia del rifiuto o di perdere l’amore ha reso il corpo insensibile per imprigionare efficacemente gli impulsi “pericolosi”. Raramente questa reazione abbandona il corpo da adulti e il dolore di quell’esperienza e altre delusioni condizionano, nel migliore dei casi, a non lasciarsi andare pienamente all’amore, nel peggiore, a vivere in uno stato ansioso, di paura, di depressione e dolore.

Quel bambino vive ancora nei nostri cuori ma noi abbiamo perso il contatto con lui!

In Bioenergetica, l’esercizio corporeo è lo strumento per entrare in contatto con la parte più profonda di noi stessi e ritrovare quel bambino sepolto.

Se anche tu vuoi ritrovare il bambino che è dentro di te, recuperare l’espressione del tuo corpo e liberarti da ansie e paure, vieni a trovarmi

il 26 Settembre h. 16,30 a Certaldo, Centro Iris, Via XXVI Luglio, 7F

(Ingresso Gratuito)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

×

Perché sei qui?

Clicca sul mio nome per iniziare una conversazioni WhatsApp. Vorrei ascoltarti.

× WhatsApp